Sicurezza sulle piste di sci - Hannes Kehrer
16023
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-16023,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-17.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Sicurezza sulle piste di sci

logo_fisUn lavoro incessante, certosino, giorno dopo giorno, notte dopo notte. Per diminuire il più possibile il livello di rischio per gli sciatori – che nonostante una distorta percezione è già relativamente basso.
In una stazione all’avanguardia come Plan de Corones la voce sicurezza non poteva essere da meno alle altre voci importanti, e cioè efficienza e tecnologia degli impianti e manutenzione delle piste. Anzi: questi tre aspetti sono tra loro strettamente legati. E sono, insieme, il segreto della ‘forza’ di Plan de Corones.
Qui non si lesina negli investimenti per ridurre al massimo i rischi dovuti a collisioni, uscite di pista o cadute individuali – fatto salvo che i fattori decisivi rimangono sempre il rispetto delle regole, la preparazione fisica e delle attrezzature, e soprattutto il buon senso

ATTENZIONE!
Dalle ore 17.00 – Mezzi battipista e cannoni per l’innevamento in funzione. Dopo la chiusura degli impianti di risalita le piste da sci sono chiuse.

Le 12 regole FIS

1. Ogni sciatore e snowboarder deve comportarsi in modo da non mettere in pericolo e non recare pregiudizio agli altri.

2. Ogni sciatore e snowboarder deve adattare la sua velocità e il suo comportamento alle proprie capacità personali e anche alle condizioni delle piste, del tempo, allo stato della neve e alla densità del traffico.

3. Lo sciatore o snowboarder venendo da dietro deve scegliere la sua traiettoria in modo tale da non mettere in pericolo lo sciatore che lo precede.

4. Il sorpasso può essere effettuato tanto a monte quanto a valle, sulla destra o sulla sinistra, ma sempre a una distanza tale da consentire le evoluzioni dello sciatore sorpassato. Inoltre, in Italia vale il principio che agli incroci sulle piste, come sulle strade, la precedenza è di chi viene da destra.

5. Dopo una sosta o all’incrocio delle piste, qualsiasi utente deve assicurarsi, a monte e a valle, che può inoltrarsi sulla pista senza pericolo per gli altri e per se stesso.

6. Ogni sciatore o snowboarder deve evitare di fermarsi nei passaggi stretti o senza visibilità; in caso di caduta, deve lasciare la pista il più presto possibile.

7. Per la risalita, lo sciatore o snowboarder deve ingombrare solo il bordo esterno di una pista di discesa; tuttavia, in caso di scarsa visibilità, anche il bordo esterno deve rimanere libero. Tale regola vale anche per lo sciatore che scende a piedi, infatti, in Italia vige il divieto di camminare sulle piste, tranne in caso di necessità.

8. Ogni sciatore o snowboarder deve rispettare le indicazioni dei segnali posti sulle piste di discesa (delimitazione, cartelli con indicazioni).

9. Qualsiasi persona testimone o attore di un incidente deve prestare assistenza dando l’allarme. In caso di bisogno e a richiesta dei volontari del pronto soccorso, deve mettersi a loro disposizione.

10. A richiesta degli agenti addetti al controllo delle piste, ogni sciatore è tenuto a fornire le proprie generalità presentando un documento di riconoscimento, allorché venga coinvolto in un incidente o ne sia testimone.

11. È buona norma che ognuno non curvi sul bordo della pista, ma lasci sempre uno spazio sufficiente per agevolare il suo sorpasso.

12. Bisogna prestare attenzione alle traiettorie degli sciatori in considerazione del tipo di sci utilizzato (snowboard, telemark, fun carving ecc.), inoltre, in Italia vige l’obbligo del casco fino a 14 anni.

Scopri che sciatore sei, sei uno che perfeziona di volta in volta la tecnica o sei quello che cerca sempre le ultime novitá e materiali? Qualunque sia, noi ti offriamo l’attrezzatura giusta e su misura.

EnglishItaly